concorso
internazionale
di fotografia

Sintetizzare una storia in pochi scatti.
Raccontare il caffè in tutte le sue forme,
attraverso persone, oggetti e luoghi.
È questo l'obiettivo dell'edizione 2015
di Fuori Fuoco Moak, il contest di Moak.

concorso
internazionale
di fotografia

Sintetizzare una storia in pochi scatti.
Raccontare il caffè in tutte le sue forme,
attraverso persone, oggetti e luoghi.
È questo l'obiettivo dell'edizione 2015
di Fuori Fuoco Moak, il contest di Moak.

Giuria

Finalisti

 

1° CLASSIFICATO

Edoardo Seminara
“IMMOBILE”

Descrizione

Apparentemente immobile, lì, nel salotto di casa sua, con un caffè in mano, un’anziana donna viaggia nel caos dei suoi ricordi.

2° CLASSIFICATO

Gianluca Bevacqua
“FONDI DI CEFFÈ”

Descrizione

La tradizione popolare vuole che nei fondi di caffè possa leggersi il futuro; voi cosa ci vedete?

3° CLASSIFICATO

Lorenzo Cicconi Massi
“RICORDI DI FAMIGLIA”

Descrizione

I ricordi di un bambino la cui famiglia ha sempre lavorato nella torrefazione del caffè.

Simone Aprile
“IN DUE”

Descrizione

Tutte le mattine, una vita insieme. Radicati, nel tempo, rituali che come preghiere salutano le prime luci di un altro giorno.

Renata Busettini
“COFFEE? HAI DOMO ARIGATO!”

Descrizione

Alcune caffetterie a Tokyo dove si passa il tempo sopperendo agli spazi ristretti di casa.

La finale

Guarda i momenti salienti della finale della Seconda Edizione

Il video dell’edizione

Il 10 ottobre la sede modicana di Moak è stata il teatro di una serata di musica, cultura e, ovviamente, fotografia. I finalisti della seconda edizione di Fuori Fuoco si sono avvicendati sul palco animato dalla speaker e conduttrice Paola Maugeri, ma il protagonista assoluto è stato sempre lui, il nostro amato caffè.